Skip to Content

Workshop Green Know - How Community: Rigenerazione urbana

L’iniziativa Green Know How Community nasce nell’ambito dell’Accordo di programma sottoscritto nel 2006 e successivamente aggiornato, tra Regione e Sistema camerale lombardo per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo. Finalità dell’iniziativa è promuovere una collaborazione strutturata e continuativa tra imprese, professionisti, centri di ricerca pubblici e privati che in Lombardia si occupano di ambiente, sviluppo sostenibile ed eco-innovazione.

La Community, in linea con le finalità della legge regionale 31/14 “Disposizioni per la riduzione del consumo di suolo e per la riqualificazione del suolo degradato” fornisce uno spazio di confronto sul tema della rigenerazione urbana da intendersi come insieme di interventi urbanistico-edilizi e di iniziative sociali che vanno dalla riqualificazione e risanamento dell'ambiente costruito, alla riqualificazione e realizzazione di spazi verdi e servizi, alla previsione di infrastrutture ecologiche finalizzate all'incremento della biodiversità nell'ambiente urbano.

Un’ occasione di lavoro sarà il workshop a inviti che si terrà il prossimo 19 novembre, presso Regione Lombardia, aperto ai soggetti del sistema regionale, le imprese e i centri di ricerca, che desiderano presentare le proprie iniziative di rigenerazione urbana, attuate o in progetto, ai tre tavoli in cui è organizzata la giornata:

  • Strumenti di conoscenza;

  • Buone pratiche di incentivazione;

  • I motivi del successo della rigenerazione urbana.

Scopo del workshop è la costruzione di un sistema di banche dati delle aree dismesse, fornire spunti per la messa a punto di linee guida e la formulazione di proposte per incentivare la rigenerazione urbana.

Le proposte possono essere inviate compilando i tre form dedicati entro mercoledì 11 novembre 2015.

  • Sistemi informativi territoriali ;

  • Strumenti di incentivazione;

  • I motivi del successo.

Le iniziative selezionate come buone pratiche saranno presentate al workshop di Green Know-How Community "Rigenerazione urbana" che si terrà giovedì 19 novembre 2015, dalle ore 9:00, a Palazzo Lombardia, piazza Città di Lombardia 1, Milano, ingresso N4.

Al workshop parteciperà anche Infrastrutture Lombarde nell'ambito del tavolo "Sistemi infromativi territoriali".

Per maggiori informazioni è possibile contattare greenknowhow@regione.lombardia.it

 


Bando Piccoli Comuni: differimento al 1° marzo della data di inizio di presentazione delle domande di partecipazione

Con Decreto n. 9210 del 4 novembre 2015 Regione Lombardia ha spostato l’apertura del bando per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici di proprietà di piccoli comuni, unioni di comuni, comuni derivanti da fusione e comunità montane dal 16 novembre 2015 al 1° marzo 2016.

Il differimento è determinato dalle numerose richieste pervenute, a causa della necessità di adeguare le modalità di progettazione e certificazione alle novità normative.


Approvata la legge regionale n. 38/2015 di modifica alla legge n. 31/2015

E’ stata pubblicata sul BURL n. 46, suppl. del 12 Novembre 2015 la Legge di semplificazione 2015 – Ambito economico, sociale e territoriale del 10 novembre 2015, n.38, che ha approvato le modifiche alla Legge 31/2014. In particolare l’Art.10 definisce le tipologie di intervento edilizio e le casistiche per le quali la superficie lorda di pavimento, i volumi e i rapporti di copertura dell'unità immobiliare o dell'edificio interessato dall'intervento sono calcolati al netto dei muri perimetrali, portanti e di tamponamento, nonché dei solai che costituiscono l'involucro esterno degli edifici.

  •  


Convegno: Energie rinnovabili ed efficienza energetica quale futuro?

Infrastrutture Lombarde partecipa mercoledì 25 novembre al convegno "Energie rinnovabili ed efficienza energetica quale futuro?". Il convegno, organizzato dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera e da INNOVHUB Stazioni sperimentali per l'industria, si terrà a Milano presso la Camera di Commercio di Milano, in via Meravigli 9/b.

 


Provincia di Como - Corso per addetti alla conduzione degli impianti termici

E.C.I.P.A. Lombardia sezione Como, ente di formazione che fa capo a CNA,  organizza un corso  per  gli operatori/manutentori interessati  all’acquisizione del patentino  per la conduzione degli impianti di  potenza superiore ai 232 kw.  ll corso si svolgerà presso la sede E.C.I.P.A. LOMBARDIA SOC. COOP. DI COMO – viale Innocenzo XI, 70 – dal 13 gennaio 2016 all’11 marzo 2016, per una durata complessiva di 90 ore.

Per ulteriori informazioni contattare la dott.ssa Cristina Buzzi, responsabile Ufficio Formazione CNA Como – ECIPA Como – tel. 031/27.64.443.

 


Approvata la DGR N. X/4362 DEL 20 NOVEMBRE 2015

La Giunta regionale della Lombardia ha differito al 1° gennaio 2017 l’entrata in vigore delle disposizioni di cui alla DGR n. 3868 del 17 luglio 2015 relative ai requisiti prestazionali dei serramenti in caso di riqualificazione energetica. Fino al 31/12/2016 sarà dunque possibile, in caso di interventi di riqualificazione energetica, sostituire i serramenti con prodotti caratterizzati da valori di trasmittanza termica analoghi ai valori limite previsti per accedere alla detrazione fiscale e definiti con decreto 26.1.2010, ossia:

  • per gli edifici siti in zona E: 1,8 W/m2K;

  • per gli edifici siti in zona F : 1,6 W/m2K.

 


Convegno illuminazione pubblica: stato dell'arte e prospettive

Infrastrutture Lombarde pertecipa domani, mercoledì 28 ottobre, all'incontro di approfondimento sul tema "ILLUMINAZIONE PUBBLICA: STATO DELL’ARTE E PROSPETTIVE”, organizzato dalla Provincia di Como - Settore Ecologia ed Ambiente, in collaborazione con Regione Lombardia – Direzione Generale Ambiente e Sviluppo Sostenibile, Infrastrutture Lombarde SpA, ENEA e ASSCO nell'ambito delle iniziative di supporto agli Enti Locali.

L'incontro si terrà a partire dalle ore 9.30 presso il Salone di Villa Gallia (sede Provincia di Como in Via Borgovico 148 – Como) ed è rivolto in primis ad amministratori e tecnici comunali. Il convegno rappresenta un importante momento di approfondimento su un tema di prioritario interesse per le amministrazioni locali, anche rispetto a modalità alternative di gestione che consentano significative economie sul fronte finanziario ed ambientale.

Programma dell'evento:

  • 09.30 – 09.50 Registrazione partecipanti

  • 09.50 – 10.00 Saluti iniziali

  • 10:00 - 10:20 Le politiche energetiche e ambientali di RL - Andrea Mutti - Infrastrutture Lombarde

  • 10:20- 10:30 La nuova Legge sull'Illuminazione Esterna - Andrea Zaccone – Regione Lombardia

  • 10:30 - 10:50 Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attutivo della legge sull'illuminazione Pubblica - Andrea Mutti - Infrastrutture Lombarde

  • 10:50 - 11:30 Presentazione ASSCO (Associazione Sostegno Comune) e Global E.S.Co. Italia s.r.l.

  • 11:30 - 11:50 Bando Illuminazione Pubblica - Mirco Furlanetto – Regione Lombardia

  • 11:50 - 12.10 Catasti sottosuolo percorso regionale e nuove prospettive nazionali - Rosella Bolis – Regione Lombardia

  • 12:10 - 12:30 Modello censimento progetto lumiere/Pell - Nicoletta Gozo - ENEA

  • 12:30 - 12:50 Servizi Integrati ai pali intelligenti - Francesca Fava – Regione Lombardia

  • 13:30 - dibattito finale e conclusione

 

Data pubblicazione: 27/10/2015


Convegno - La nuova diagnosi energetica ai sensi del D.Lgs. 102/20104: strumento di ottimizzazione dei costi energetici per le imprese

Infrastrutture Lombarde partecipa giovedì 22 ottobre al convegno "La nuova diagnosi energetica ai sensi del D.Lgs. 102/2014: strumento di ottimizzazione dei costi energetici per le imprese". Il convegno, organizzato nell'ambito della Settimana dell''Energia (Bergamo, 18-24 ottobre 2015), si terrà presso la Sala Giunta Confindustria Bergamo, via Camozzi 70.

 


Approvata la nuova legge regionale sull'efficientamento energetico dei sistemi di illuminazione esterna

E’ stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia la L.r. 5 ottobre 2015 n. 31 “Misure di efficientamento energetico dei sistemi di illuminazione esterna con finalità di risparmio energetico e conseguente riduzione dell’inquinamento luminoso”, che sostituisce la legge n.17/2000.

La nuova legge sui sistemi di illuminazione, che l’Assessore regionale all’Ambiente Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi ha chiamato nuova “Legge luce” rappresenta il primo atto attuativo del PEAR, il Programma Energetico Ambientale regionale, approvato a giugno 2015 con il principale obiettivo guida di ridurre i consumi energetici da fonte fossile programmando una riduzione dei consumi tra l’8 per cento e il 12 per cento e un aumento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili.

Le novità, contenute nel testo di legge, sono diverse e intendono promuovere la semplificazione amministrativa in un’ottica di sostenibilità ambientale (protezione dall’inquinamento luminoso e riduzione dello stesso) ed economica (risparmio energetico e riduzione dei costi sostenuti dai Comuni).

Le principali novità

  • Nel Sistema Informativo Territoriale regionale è introdotto un apposito catasto dedicato al monitoraggio e all’analisi dei dati relativi alla pubblica illuminazione esterna;

  • Il Piano regolatore dell’Illuminazione comunale (Pric), istituito con la precedente legge, è sostituito dal Documento di Analisi dell’Illuminazione esterna (Daie), che dovrà contenere tutte le informazioni necessarie alla conoscenza dello stato di fatto degli impianti valutandone le opportunità e modalità di efficientamento, riqualificazione e acquisizione;

  • Con l’obiettivo di razionalizzare la proprietà e la gestione del sistema della pubblica illuminazione, oggi frammentata in molti Comuni, è introdotto il vincolo di proprietà pubblica per tutti i nuovi impianti di illuminazione. Ai Comuni spetteranno, oltre all’accertamento delle violazioni e all’irrogazioni delle sanzioni che vengono introitate, anche le funzioni di vigilanza e controllo in materia di pubblica illuminazione esterna.

 

Poichè la pubblica illuminazione esterna costituisce una voce di costo consistente a carico del Bilancio delle Amministrazioni comunali, rappresentando in media il 60 per cento dei consumi elettrici, e una voce di spesa consistente per i Bilanci comunali (2-3 per cento, con punte del 7-10 per i piccoli comuni con un territorio esteso), prossimamente Regione Lombardia approverà il primo bando sulla pubblica illuminazione dei Comuni. Il bando promuoverà l’utilizzo di materiali e tecnologie per diffondere, secondo il modello di “smart city”, servizi integrati alla pubblica illuminazione: monitoraggio ambientale, gestione delle piazzole dei rifiuti e delle flotte comunali, sistemi di videosorveglianza, connessioni WI-FI, etc…). “In questo modo - ha sottolineato l’assessore Terzi – si potranno sviluppare opportunità di risparmio energetico e di miglioramento gestionale e tecnologico veramente importanti per le risorse comunali ormai ridotte al lumicino".

 

 


Nuova modalità di accesso ai servizi CURIT

A partire dal 18 settembre è stata attivata una nuova modalità di accesso a CURIT che facilità la gestione delle utenze e la fruibilità dei servizi. Per conoscere le nuove procedure di registrazione e accesso ai servizi consulta gli appositi manuali predisposti per i diversi operatori:

 


Seminario: Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale (Politecnico di Milano - Polo di Como)

Infrastrutture Lombarde partecipa giovedì 8 ottobre al seminario "Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale", organizzato da Politecnico di Milano, SACERT e Logical Soft. Il seminario, che ha il patrocinio di Regione Lombardia, si terrà a Como presso il polo universitario del Politecnico di Milano, Sala convegni - Via Castelnuovo, 7.
 


Seminario: Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale (Politecnico di Milano - Polo di Lecco)

Infrastrutture Lombarde partecipa martedì 6 ottobre al seminario "Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale", organizzato da Politecnico di Milano, SACERT e Logical Soft. Il seminario, che ha il patrocinio di Regione Lombardia, si terrà a Lecco presso il polo universitario del Politecnico di Milano, Aula Magna, Via G. Previati 1/c.
 


Atti convegno - Nuova certificazione energetica degli edifici: il quadro di riferimento

Il 30 settembre 2015 si è tenuto a Milano presso l'Auditorium Testori il convegno "Nuova certificazione energetica degli edifici: il quadro di riferimento", organizzato da Infrastrutture Lombarde Spa - Divisione Energia con il patrocinio di Regione Lombardia e il supporto tecnico di Beta80 Group, Logical Soft, TerrAria Srl, Politecnico di Milano Dipartimento ABC.

 


COMUNE DI LODI: modifiche alle modalità di richiesta inserimento nuovi impianti

 

Il Comune di Lodi dal 26/09/2016 ha cambiato l’indirizzo e-mail per richiedere l’inserimento di nuovi impianti nella propria sezione di catasto.

Il nuovo indirizzo è: impiantitermici@comune.lodi.it

Ricordiamo le modalità già note per inviare la richiesta.
In caso di registrazione di un nuovo impianto, il manutentore/installatore deve chiedere il Codice Impianto al Comune di Lodi mediante l’apposito modulo compilato in tutti i campi e scaricabile dal sito Curit, pagina degli operatori, sezione http://www.curit.it/modelli_enti_locali. Nella stessa pagina si trovano anche: il file che contiene le istruzioni per la compilazione del modello di richiesta, la tabella con il viario del Comune di Lodi e l’elenco dei codici Istat dei comuni della Regione Lombardia.
Prima di inviare il modello al Comune di Lodi, il manutentore/installatore deve provare l’acquisizione dell’impianto mediante apposita funzione del catasto. Si ricorda che si deve procedere all’acquisizione dell’impianto anche in caso di sostituzione del generatore.
Si rammenta che la richiesta deve essere inviata solo ed esclusivamente per impianti non registrati nel catasto impianti termici e per impianti già esistenti per i quali l’utilizzo della funzione di acquisizione impianto non ha dato risultati utili.
La richiesta di generazione nuovo impianto va inviata esclusivamente all’indirizzo e-mail:

impiantitermici@comune.lodi.it

Il Comune di Lodi invierà mail o fax per la conferma dell’assegnazione degli impianti. Il manutentore dovrà provvedere al completamento di tutti i dati del generatore o dell’impianto assegnato prima di inserire le dichiarazioni.

Il Comune di Lodi ringrazia per la collaborazione e rimane disponibile per ogni ulteriore informazione AL NUMERO 0371.409230-392 nei seguenti giorni e orari :

  • da lunedì a giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 16:00;

  • venerdì dalle 9:00 alle 12:00.

 


Direttiva Ecodesign e Direttiva Labelling per impianti di riscaldamento: dal 26 settembre in arrivo importanti novità per produttori e consumatori

 

La Direttiva europea 2009/125/CE, meglio conosciuta come Direttiva Eco-Design, stabilisce i requisiti minimi di efficienza e i limiti di emissione per gli apparecchi di riscaldamento e acqua calda sanitaria ai quali i produttori di dispositivi devono attenersi, già in fase di progettazione, per incrementare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale dei propri prodotti durante tutto il loro ciclo di vita.

La Direttiva Europea 2010/30/CE, meglio conosciuta come Direttiva ELD o Labellling, amplia il campo di applicazione dell’etichettatura energetica, finora limitata ai soli elettrodomestici, anche a tutti gli apparecchi che consumano direttamente o indirettamente energia (compresi quindi gli impianti riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria).

A queste Direttive quadro è seguita la pubblicazione di quattro importanti Regolamenti attuativi specifici per gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria:

  • Regolamenti N. 811/2013 e N. 812/2013: introducono un sistema per l’etichettatura degli apparecchi per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in base alla loro efficienza in modo da fornire ai consumatori informazioni utili per confrontarne le prestazioni energetiche;

  • Regolamenti N. 813/2013 e N. 814/2013: definiscono i requisiti prestazionali minimi per la commercializzazione e/o la messa in funzione degli apparecchi per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria.

 

Dal 26 settembre 2015 scattano i primi obblighi:

  • i produttori di caldaie di potenza inferiore o uguale a 400kW, destinate sia al riscaldamento sia alla produzione di acqua calda sanitaria, non potranno più produrre caldaie tradizionali a tiraggio forzato. Sarà, quindi, possibile immettere sul mercato modelli solo a condensazione (generatori di calore in grado di recuperare gran parte del calore latente contenuto nei fumi che, altrimenti, andrebbe disperso nel camino come avviene nelle caldaie tradizionali). Le caldaie a tiraggio naturale, quelle “a camera aperta”, potranno invece essere ancora prodotte ed installate solo quando non è possibile andare a sostituire una vecchia caldaia con una caldaia a condensazione per problemi legati alla canna fumaria collettiva di alcuni edifici multifamiliari. Tutti i prodotti immessi sul mercato prima del 26/09/2015, che non rispettano i requisiti della nuova direttiva (es. caldaie tradizionali a tiraggio forzato, caldaie non dotate di pompa ad alta efficienza) e che sono ancora stoccati nei magazzini di distributori, rivenditori ed installatori, potranno essere commercializzati e installati senza limiti di tempo;

  • tutti gli apparecchi per riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria di potenza termica nominale fino a 70 kW devono obbligatoriamente essere provvisti di un’etichetta con l’indicazione della loro classe di efficienza energetica (da A+++ a G per impianti di riscaldamento e da A a G per impianti di acqua calda sanitaria).

 


DIRETTIVA 2010_30_UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 maggio 2010 concernente l’indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all’energia, mediante l’etichettatura ed informazi.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Lucia Gervasoni, 4/2/20 12:40 PM
1 of 12

Version 1.0

Last Updated by Lucia Gervasoni
4/2/20 12:40 PM
Status: Approved
Download (791k) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 21 Hours Ago 791k

DIRETTIVA 2009_125_CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 relativa all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energ.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Lucia Gervasoni, 4/2/20 12:40 PM
1 of 26

Version 1.0

Last Updated by Lucia Gervasoni
4/2/20 12:40 PM
Status: Approved
Download (1MB) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 21 Hours Ago 1MB

Seminario "Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale"

Infrastrutture Lombarde partecipa giovedì 17 settembre al seminario "Nuove regole per l'efficienza energetica degli edifici. Quadro di riferimento legislativo e normativo a livello regionale e nazionale", organizzato da Politecnico di Milano, SACERT e Logical Soft. Il seminario, che ha il patrocinio di Regione Lombardia, si terrà a Milano presso il Politecnico di Milano, Aula S01 De Donato, Piazza Leonardo da Vinci 32, Edificio 3, piano terra.
 


Nuova modalità di accesso a CURIT

A partire dal prossimo 18 settembre verrà attivata una nuova modalità di accesso ai servizi CURIT che faciliterà la gestione delle utenze e la fruibilità dei servizi e consentirà in particolare di accedere tanto all’area riservata del portale www.curit.it quanto ai Catasti dei diversi Enti Locali con le medesime credenziali di accesso.

Il passaggio fondamentale di questa nuova modalità di accesso consiste nell’utilizzo come utenza, da parte di tutti gli operatori, di un codice identificativo.

Le nuove credenziali per accedere saranno differenziate per i diversi operatori e costituite da un nome utente e da una password come di seguito illustrato:

1. manutentori/installatori

2. operatori CAIT

3. Amministratori di condominio 

 

1. manutentori/installatori

- il nome utente, codice costituito dalle lettere “MA” seguite da un numero composto da 6 cifre (ad esempio, MA023456), codice che rappresenta l’utenza principale associata alla Ditta di appartenenza;

- una password, quella collegata all’indirizzo e-mail già oggi utilizzato per accedere all’area riservata (oppure con possibilità di crearne una nuova).

Accedendo con queste credenziali è possibile per esempio:

  • visualizzare i dati della registrazione, degli operatori e degli strumenti inseriti;

  • modificare i dati della registrazione, ad eccezione della partita iva;

  • gestire gli strumenti inseriti, cancellarli, modificarli e inserirne di nuovi;

  • gestire gli operatori inseriti, modificare la password delle loro utenze, porli in stato non attivo e inserirne di nuovi;

  • accedere alle funzioni di Portafoglio (registrazione iban, informazioni su come ricaricare, ecc.);

  • visualizzare l’elenco dei CAIT e, se lo si desidera, associarsi ad uno di essi.

Per accedere ai singoli Catasti e registrare i libretti di impianto e i rapporti di controllo occorre invece accedere attraverso le utenze dei singoli operatori, associate all’utenza principale. Queste utenze sono costituite a loro volta da:

- il nome utente dell’utenza principale (quella sopra ricordata) seguito da un numero progressivo di 2 cifre, assegnato al singolo operatore. Gli operatori della ditta MA023456 sono, ad esempio, MA02345601, MA02345602, MA02345603, …

- la password che è stata indicata al momento della conferma della registrazione (qualora fosse stata dimenticata la password, l’utenza principale - nell’esempio MA023456 - può assegnare una nuova password all’utenza dell’operatore tramite la funzione di “modifica password” disponibile nella pagina di gestione degli operatori).

Accedendo all’area riservata del portale www.curit.it con l’utenza dell’operatore, è possibile visualizzare l’elenco dei catasti degli Enti Locali e quindi selezionare quello su cui si desidera operare. L’accesso al catasto avviene direttamente: non è più necessario digitare altri nomi utenti e password.

 

2. operatori CAIT

- il nome utente, codice identificativo per il singolo CAIT, che sostituirà l’indirizzo e-mail utilizzato attualmente;

- una password, quella collegata all’indirizzo e-mail già oggi utilizzato per accedere all’area riservata (oppure con possibilità di crearne una nuova).

Accedendo con queste credenziali è possibile per esempio:

  • visualizzare i dati della registrazione dei manutentori vostri associati, degli operatori e degli strumenti inseriti;

  • modificare i dati della registrazione dei manutentori, ad eccezione della partita iva;

  • gestire gli strumenti inseriti, cancellarli, modificarli e inserirne di nuovi;

  • gestire gli operatori inseriti, modificare la password delle loro utenze, porli in stato non attivo e inserirne di nuovi;

  • accedere alle funzioni di Portafoglio (registrazione iban, informazioni su come ricaricare, ecc.);

  • scollegare i manutentori che decidono di operare autonomamente.

Per accedere ai singoli Catasti e registrare i libretti di impianto e i rapporti di controllo occorre invece accedere attraverso le utenze dei singoli operatori CAIT. Queste utenze mantengono gli attuali nomi utente e password.

Accedendo all’area riservata del portale www.curit.it con l’utenza dell’operatore, è possibile visualizzare l’elenco dei catasti degli Enti Locali e quindi selezionare quello su cui si desidera operare. L’accesso al catasto avviene direttamente: non è più necessario digitare altri nomi utenti e password.

 

3. Amministratori di condominio

- il nome utente, codice costituito dalle lettere “AM” seguite da un numero composto da 6 cifre (ad esempio, AM023456);

- una password, quella collegata all’indirizzo e-mail già oggi utilizzato per accedere all’area riservata (oppure con possibilità di crearne una nuova).

Accedendo con queste credenziali è possibile per esempio:

  • visualizzare i dati della registrazione;

  • modificare i dati della registrazione, ad eccezione dell’eventuale partita iva riportata;

  • accedere alle funzioni di Portafoglio (registrazione iban, informazioni su come ricaricare, ecc.);

  • accedere ai Catasti per l’inserimento dei libretti di impianto, dei rapporti di controllo e le assunzioni di responsabilità.

Accedendo all’area riservata del portale www.curit.it, è possibile visualizzare l’elenco dei catasti degli Enti Locali e quindi selezionare quello su cui si desidera operare. L’accesso al catasto avviene direttamente: non è più necessario digitare altri nomi utenti e password.

In tutti i casi nel momento in cui si proceda a modificare o ad aggiornare i dati relativi alla registrazione (della ditta o dell’amministratore) il sistema chiederà di allegare un file contenente la scansione del documento di identità del legale rappresentante. Nei prossimi mesi sarà comunque richiesto a tutti i soggetti presenti in CURIT di integrare la propria registrazione rendendo disponibile la scansione del documento di identità.


Piccoli Comuni - chiarimenti e domande frequenti

Alla sezione Bandi sono disponibili le FAQ relative al Bando per la riqualificazione energetica degli edifici di proprietà dei Comuni con popolazione fino a 1000 abitanti, delle Comunità Montane, delle fusioni e delle Unioni di Comuni.